goal di Mertens

Napoli,goal pallonetto di Mertens come Maradona

Napoli rimonta con il Goal di Mertens alla Maradona che incanta l’Olimpico.

Il Napoli batte la Lazio 4-1 confermandosi in testa con la Juventus. Il terzo goal firmato Dries Mertens ha lasciato tutti a bocca aperta sugli spalti dell’Olimpico,un gesto tecnico simile a quello di Maradona.

Il belga ha commentato il suo goal ai microfoni di ‘Sky Sport’: ” Sono stato molto contento, il portiere è venuto, ha toccato la palla e mi sono girato, poi ho tirato. Mi hanno fatto vedere prima il goal di Maradona, era più difficile quello suo, quindi lasciamo stare i paragoni” .

Spiegando anche  il suo gesto di esultanza: “Ho fatto il gesto di bere con amici, mi piace fare qualche stupidaggine dopo il goal e mi piace soprattutto cambiare sempre esultanza ogni volta. Mi sto divertendo, questa è la cosa importante. Paragone con Messi? Io sono Dries e sono tranquillo”.

BONUS 30€ GRATIS SENZA DEPOSITO .BONUS SLOT TUKO BETFLAG

Kalidou Kouulibaly- «Stamattina nello spogliatoio Mertens ci ha detto che quello di ieri era un gol normale, ma invece è stato un colpo da fuoriclasse».Così commenta la prodezza dell’attaccante del Napoli nel match di ieri con la Lazio.«Quando ho visto la palla andare in porta – ha detto il difensore senegalese – ero molto sorpreso. Per lui magari è un gol normale ma invece noi abbiamo visto che era una prodezza, un gol da fuoriclasse».

Il successo di ieri ha dato un’ulteriore fiducia agli azzurri :«Era una partita difficile – ha detto Koulibay – loro hanno avuto un buon avvio di stagione, era un esame importante e l’abbiamo superato, uscire con una vittoria dall’Olimpico ci fa molto bene».

SPALLATA ALLA JUVE – «Dare una prima spallata alla Juve? Vedremo, i bianconeri fanno la loro strada e noi pensiamo alla nostra, cercando di vincere sempre, siamo solo alla quinta giornata, è presto – ha detto – Il campionato è molto lungo  e oltre alla Juventus ci sono altre grandi squadre che puntano al titolo come Milan, Inter, Lazio, Fiorentina, noi siamo tra loro ma è troppo presto per parlare di scudetto, vedremo dove saremo a febbraio marzo. L’unico modo è pensare alla nostra strada con fiducia». Koulibaly ha accennato anche alla crescita del Napoli: «Stiamo bene ma siamo solo inizio stagione e non dobbiamo perdere la testa anche se le abbiamo vinte tutte. Sappiamo che quando giochiamo il nostro calcio siamo difficili da affrontare ma possiamo ancora crescere e fare meglio, come abbiamo visto in Champions League dobbiamo crescere ancora».

 

 

Tags: No tags