Il poker a 5 carte: regole, modalità e online

Il poker a 5 carte: dagli U.S.A. a noi

Il gioco del poker a 5 carte è anche detto poker tradizionale o 5 card draw. E’ una variante del poker texano, il famoso TEXAS HOLD ‘EM esploso negli Stati Uniti già negli anni 50. Si utilizzano le carte francesi ( un mazzo di 52 ) che vanno dall’asso al re e i simboli, detti anche colori, sono Cuori, Quadri, Fiori e Picche. A differenza di come avviene in America, nella versione tradizionale il numero di carte si stabilisce sottraendo il numero dei giocatori al numero 11. Ad esempio , se a giocare ci sono 5 persone al tavolo, verrà sottratto il 5 all’11 (11-5=6) e quindi il 6 sarà la carte più bassa da mettere in gioco. Gli assi ovviamente faranno parte del mazzo.

Come giocare online

In questa tabella ti proponiamo dei siti dove poter giocare online.

Bonus senza deposito 1000€

400€ senza deposito casinò online

3000€ Welcome bonus casinò

5000€ Welcome bonus Slot

800€ senza deposito sport pre.match

1.000€ Welcome bonus sport

Minimo deposito di 5€

225 free spins

Bonus Benvenuto fino a 1000€ alle slot

Casinò live fino a 2.000€ per tutti i tavoli

-

-

bonus sport  50% extra fino a 100€

Minimo deposito di 10€

10€ 100 free spins

Bonus Benvenuto 100% fino a 200€ 

Bonus benvenuto Porta un Amico oltre 100€

Free spins Club fino a 50€

-

Bonus multipla fino al 130%

Minimo deposito 10€

200 free spins 

Bonus Benvenuto fino a 1000€

10€ in game bonus e 20 free spin

-

-

Bonus benvenuto sport 15€ subito +200€

Minimo deposito 10€

5€ gratis 

Bonus benvenuto 50% sul 1° dposito fino a 100€

Bonus di Benvenuto fino a 300€ con 2°e 3° deposito

-

-

Bonus Benvenuto 20€ sport

Minimo deposito 20€


Scopri i bonus riservati proprio al gioco del poker, ed inoltre anche il mondo del casinò online. Le migliori offerte per divertirti anche sul web.

Come si gioca? regole, punteggi e svolgimento

Iniziamo dicendo che il gioco prevede un massimo di 6 giocatori. Il mazzo di carte che si usa è francese e verranno esclusi i jolly. La carta piu bassa del mazzo e’ stabilita, come detto sopra, dal numero 11 meno il numero dei giocatori. E’ possibile giocare quindi con un minimo di 24 carte se si è in 2, fino ad un massimo di 40 carte se si è in 6.

poker a 5 carte

Punteggi

Di seguito elenchiamo i punteggi che si possono fare giocando al poker a 5 carte. La tabella è da seguire in ordine crescente

PUNTEGGIONOME DESCRIZIONE
COPPIALa coppia presenta 2 carte
delle stesso valore.
In questo caso abbiamo due K. In caso di parità
si valuteranno le altre tre carte con i rispettivi valori e semi.
DOPPIA COPPIALa doppia coppia è formata da due coppie.
Si dichiara sempre il valore della coppia più alta
quindi in questo caso è doppia coppia di J con 9.

TRISIl tris è formato da 3 carte uguali.
Qui è rappresentato un tris di donna.
Ovviamente non vi è possibilità di pareggio, quindi
se dovesse esserci al tavolo un altro tris vince quello
con più valore. In questo caso il tris di Q può essere
battuto solo da tris di K e tris di A
SCALALa scala è una sequenza di carte in ordine di valore. Quella rappresentata
in foto è una scala minima, e l’asso in questo caso
serve per chiuderla. Assume il valore di 4 se consideriamo
che il massimo di giocatori puo essere 6 e seguiamo la regola
dell’11 come descritto sopra
FULL HOUSEIl full house o semplicemente full è la combinazione
di un qualsiasi tris più una coppia.
Questa immagine rappresenta un full house massimo
COLOREIl colore è composto da 5 carte, non in scala, che hanno
lo stesso seme. Se ci sono più colori vince quello
con il seme più alto, seguendo la regola del Come Quando Fuori Piove
Se invece sono presenti due colori dello stesso seme
si valuta la carta più alta. L’immagine rappresenta un colore di cuori
che batte qualsiasi altro colore, ma può essere battuto da un’ennesimo
colore di cuori se tra le carte c’è un asso
POKERIl poker, il punto che da il nome a questo gioco. Quattro carte uguali
permettono di giocare con uno dei punti più alti.
Possedere un poker dà un’altissima percentuale
di vincita della mano. Ma anche in questo caso
possono presentarsi situazioni di parità. Infatti se al tavolo ci sono
più poker, vince quello con il valore più altro. Prendendo spunto dalla
foto, un poker di Q, viene battuto solo da un poker di K o A
SCALA COLORELa scala colore è la combinazione tra una
scala minima ed un colore. Non è un punteggio molto usato,
visto che la maggior parte dei giocatori considera

anche questo tipo di scala come reale.
SCALA REALELa scala reale, il punto massimo di questo gioco.
A differenza della scala colore. questa e’ composta dal colore
piu una scala massima che va dal 10 all’ asso.

Il valore delle carte

In primis si stabilisce una regola che dà priorità ai punti con valore decrescente dei semi. Questa regola segue la famosa frase “Come quando fuori piove” ovvero CUORI, QUADRI, FIORI, PICCHE. In questo modo si evitano casi di assoluta parità. Per esempio se al tavolo ci sono due scale all’asso, una di cuori e una di fiori, vince quella di cuori proprio per la regola spiegata pocanzi. Le carte vanno dall’ 5 (se si è in sei a giocare) all’asso: quindi avremo 5,6,7,8,9,10,J,Q,K,A. Come possiamo vedere l’asso è la carta dal valore piu alto, ma puo assumere anche valore piu basso se serve per chiudere una scala. Ad esempio se abbiamo 5,6,7,8 e un asso, quest’ultimo vale come carta minima dietro il 5.

Il dealer, l’invito, il pot e le fiches iniziali

Il dealer o mazziere, è colui che da le carte nella mano, seguendo un senso orario. Per la prima mano, questi viene designato tramite sorteggio. Spesso lo è colui che pesca per primo l’asso di cuori. L’invito è la somma prestabilita che i giocatori mettono nel piatto per poter giocare la mano. Il pot è la somma di tutte le puntate. Le fiches iniziali, dette anche chips, sono il corrispettivo in denaro che viene dato a tutti i giocatori. Se si partecipa ad un torneo le fiches sono uguali per tutti i partecipanti. La cosa cambia invece in modalità cash game: il giocatore riceve le fiches pari all’importo che decide di mettere in gioco. Di seguito andremo a vedere le varie fasi di gioco che saranno cosi suddivise:

  • Invito e apertura al buio
  • Distribuzione carte
  • Apertura
  • Cambio
  • Puntate
  • esibizione punteggio riscossione piatto

l’Invito e apertura al buio

l’invito viene dato da tutti i giocatori, ed è il dealer della mano che si occupa di prenderlo, anche dai giocatori in sit out ( salta la mano). Il minimo punto per aprire una mano e fare una puntata è una coppia vestita (almeno due J).Ma è anche possibile aprire senza il punto minimo, cioè puntando il buio. E’ una puntata che il giocatore decide di fare, prima della distribuzione delle carte, pari alla somma del piatto. Chi si trova alla sinistra del buiante , ha diritto a sua volta di replicare con un’altra puntata, il doppio della precedente, che chiamiamo controbuio.

Ed infine anche il giocatore successivo può effettuare un’ennesima puntata al buio, che in questo caso chiamiamo over (anch’essa il doppio della precedente). A questo punto tutti gli altri giocatori, dopo aver visto le carte, decidono se partecipare al piatto o passare la mano. Se nessuno si adegua all’ultimo buio effettuato, il giocatore che l’ha effettuato vince il piatto.

Distribuzione delle carte

Il mazziere distribuisce le carte a partire dal primo giocatore sulla sinistra. Le carte vengono date coperte una alla volta fino a raggiungere 5 a testa. Se non viene effettuata nessuna apertura al buio, il giocatore alla sinistra del mazziere decide se aprire, in caso di punto minimo. Come detto in precedenza, il punto minimo per aprire è una coppia vestita, quindi si parte da due J. Se il giocatore non possiede il punto passa la mano.

Apertura

Il primo giocatore a parlare apre se in possesso di una coppia vestita, altrimenti passa la mano al giocatore che segue. Se nessuno al tavolo possiede la coppi di J, e quindi il mino di apertura, si ritirano le carte e si fa iniziare una nuova mano. Viene messo anche un nuovo invito che quindi fa aumentare il piatto già presente. In questo caso la coppia minima per aprire è un coppia di Q. Nel caso si dovesse verificare un’ennesimo giro senza apertura, si procede con un nuovo invito e con un apertura minima di due K (detta anche apertura di kappa e assi). Una volta che il piatto verrà assegnato si potrà tornare all’apertura minima. Ultimata questa fase, e gli eventuali rilanci o “fold” (lasciare la mano) del caso, si procede con il cambio carte.

Cambio delle carte

Si parte dal primo giocatore alla sinistra del mazziere e ogni giocatore può cambiare fino a 4 carte, oppure dichiararsi servito e non sostituire nessuna carta. Se le carte non sono sufficienti per procedere ai cambi, si mescolano le carte scartate dai giocatori che hanno effettuato il cambio. Quando un giocatore cambia più di 3 carte, la quarta carta gli viene data solo dopo aver effettuato il cambio a tutti gli altri. Dopo il cambio delle carte, che avviene una sola volta, si procede all’ultima puntata

Puntate

In questa fase la parola va all’apertura, ovvero a chi ha aperto il gioco. Il giocatore di conseguenza puo:

  • Passare: ovvero uscire dalla mano
  • Bussare: o anche detto “chek”. Con questa azione il giocatore passa la parola al giocatore successivo , e se tutti al tavola bussano si procede con lo scoprire le carte. A questo punto il punto più alto vincerà la mano
  • Paròl: è il passare parola al giocatore che segue, ma ha valenza solo se tutti gli altri fanno paròl. Se già uno solo dei giocatori non dichiara parola ma bussa, oltre a poter rilanciare, il paròl viene annullato e quindi si concorrerà per il piatto. Se al tavolo tutti dichiarano paròl, nella mano successiva l’apertura minima sarà di due K. Quelli che non avevano partecipato alla mano precedente, se vogliono possono adeguarsi mettendo la somma che era già stata versata. Inoltre per chi avrà la possibilità di aprire, c’è l’obbligo di puntata pari al piatto in corso.
  • Punto: viene puntata una somma pari all’importo selezionato. Chi è in gioco può adeguarsi, oppure effettuare un rilancio. Dopo la prima puntata non è possibile puntare ma solo rilanciare, contro rilanciare, passare o vedere.
  • Rilancio: è una puntata superiore che un giocatore fa rispetto alla puntata di chi precede. A sua volta sarà anche possibile fare un contro rilancio
  • Vedo: è la fase finale, quella di “show down” come si dice nel gergo. Infatti è questo il momento in cui i giocatori dichiarano di partecipare al piatto finale, dopo le varie puntate, rilanci e controrilanci.

Esibizione punteggio e riscossione piatto

Questa è l’ultima fase. Qui i giocatori devono mostrare il loro punto e vedere chi si potrà aggiudicare il piatto in palio. Nel caso in cui, dopo una puntata fatta da un giocatore, nessuno partecipa facendo dunque passo, la mano è vinta direttamente da quel giocatore. Egli non ha obbligo di mostrare le carte. Ma se già sono 2 o più persone, allora bisognerà mostrare il proprio punto. Solo cosi si può prelevare il piatto dal tavolo.

I giochi di carte di Bonusflag

Se sei un’appassionato di poker non perderti il nostro settore dedicato al poker online. Ma sei sei amante delle carte in genere, sicuramente ti interesserà la nostra sezione di giochi di carte, dove troverai le linee guida per i giochi più famosi come il sette bello, la briscola, scala 40 , burraco, assopigliatutto e tanti altri. Inoltre consulta le nostre tabelle per trasportare il divertimento anche sulle piattaforme online.

Valuta