La Briscola: regole e svolgimento

La briscola sembra avere lontane origini, già nel ‘500 in Olanda. In Italia, d’altra parte, questo gioco arriva tramite i soldati francesi e pare che il nome derivi dal termine brisque. Questo termine indica il grado militare applicato sull’uniforme o sul cappello. Nel corso del tempo la briscola ha subito molte varianti nelle regole al punto tale che oggi viene considerato per lo più un gioco italiano. E’ diffuso in tutto il nostro paese ed esistono, addirittura, varianti regionali. Continuando a scorrere la pagina, andremo in primis a vedere come giocare online, poi seguirà una delucidazione semplice e chiara delle regole e dello svolgimento.

la briscola

La Briscola online: come giocare in rete

Nella tabella che segue scopri i migliori siti dove giocare la Briscola online

Bonus senza deposito 1000€

400€ senza deposito casinò online

3000€ Welcome bonus casinò

5000€ Welcome bonus Slot

800€ senza deposito sport pre.match

1.000€ Welcome bonus sport

Minimo deposito di 5€

225 free spins

Bonus Benvenuto fino a 1000€ alle slot

Casinò live fino a 2.000€ per tutti i tavoli

-

-

bonus sport  50% extra fino a 100€

Minimo deposito di 10€

10€ 100 free spins

Bonus Benvenuto 100% fino a 200€ 

Bonus benvenuto Porta un Amico oltre 100€

Free spins Club fino a 50€

-

Bonus multipla fino al 130%

Minimo deposito 10€

200 free spins 

Bonus Benvenuto fino a 1000€

10€ in game bonus e 20 free spin

-

-

Bonus benvenuto sport 15€ subito +200€

Minimo deposito 10€

5€ gratis 

Bonus benvenuto 50% sul 1° dposito fino a 100€

Bonus di Benvenuto fino a 300€ con 2°e 3° deposito

-

-

Bonus Benvenuto 20€ sport

Minimo deposito 20€


Qui non solo troverai la Briscola, ma tantissimi altri giochi di carte. Scopri anche i bonus dedicati al casino online e tutte le promozioni per divertirti comodamente anche da casa con pc, tablet o mobile.

Le regole della Briscola

Andiamo adesso a vedere come il gioco della Briscola si struttura in tutti i suoi passaggi. Consideriamo quindi ogni singolo aspetto e quindi le terminologie, il mazzo di carte, i punteggi e tutto ciò che riguarda lo svolgimento del gioco. In questo modo daremo la possibilità, con la nostra guida, di rendere più chiaro questo gioco a chi ancora non lo conosce. Si gioca con un mazzo da 40 carte, solitamente napoletane, ma è possibile anche utilizzare quelle francesi. In quest’ultimo caso bisogna togliere i jolly, gli otto i nove e i dieci e la corrispondenza dei semi tra le due tipologie di carte è questa:

  1. Le carte con il seme Quadri ♦ varranno come le carte di denari
  2. Le carte con il seme Cuori ♥ avranno valore pari alle di coppe
  3. Il valore delle carte di Fiori ♣ sarà pari a quelle delle carte di bastoni
  4. Tutte le carte di sem Picche ♠ avranno valore corrispondente con il seme di spade.

Lo scopo di questo gioco è totalizzare, su 120 punti a disposizione, almeno 61 punti.

La Briscola e il valore delle carte

In primis viene stabilito un seme dominante che viene detto, per l’appunto, BRISCOLA e tutte le carte con questo seme hanno valore maggiore a dispetto delle altre. Ora vediamo qual è il valore dato alle carte:

CARTEASSO3RECAVALLOFANTE7, 6, 5, 4, 2
PUNTEGGIO11104320
la briscola
Le carte come Asso e 3, che hanno maggior valore, prendono il nome di CARICHI; i Re, Cavalli e Fanti si chiamano FIGURE; le carte con valore 7,6,5,4 e 2 si chiamano LISCI.

Il mazziere

Il mazziere distribuisce 3 carte a testa e ne lascia una sul tavolo coprendola soltanto per metà con il tallone messo in maniera trasversale, cosi da restare visibile ai giocatori per tutto il gioco. Inoltre con questa carta viene stabilito il seme di briscola ed è l’ultima che può essere pescata. Il mazziere cambia alla fine di ogni smazzata e, visto che il gioco segue il senso antiorario, il mazziere seguente sarà quello seduto alla destra di quello attuale.

La Briscola: Svolgimento del gioco

Inizia Il primo giocatore alla destra del mazziere che viene detto “giocatore di mano” . Nelle mani successive alla prima, il giocatore di mano è quello che ha fatto la presa. Ogni giocatore, partendo dal giocatore di mano e in senso antiorario, cala una carta scoperta. La carta giocata dal giocatore di mano stabilisce il seme. Il giocatore che vince la mano prende tutte le carte poste sul tavolo e le mette coperte accostandole. Successivamente prende la prima carta dal tallone ed è il primo ad aprire la nuova mano e decide il nuovo seme di mano. Quando il tallone si svuota, si continua fi quando non terminano le carte in mano.

Chiusura del gioco

L’ultima mano è senza dubbio quella più importante anche perché può essere determinante per l’esito della partita, trattandosi della mano con il maggior numero di punti. Infatti i giocatori conservano in mano carte di valore alto, i carichi. Si tratta di una fase molto importante e solitamente si applicano regole aggiuntive. Ad esempio vige l’obbligo del silenzio, mentre magari nel resto della partita è possibile parlare. Se si gioca in coppia, è possibile scambiarsi le carte per poter decidere le mosse successive. Un’altra cosa che diversamente si può fare a dispetto di tutto lo svolgimento del gioco, è la possibilità di guardare il proprio pozzo.

La vittoria della Briscola

La vittoria della partita vede il giocatore, o la coppia, totalizzare il punteggio maggiore, addizionando i punti delle carte prese durante il gioco, che sia in una giocata singola o in più smazzate. Come detto in precedenza il totale dei punti è 120, quindi la vittoria è determinata da un minimo di 61 punti. E’ previsto anche un caso di pareggio se le parti dovessero totalizzare 60 punti a testa

La Briscola e la PARITA’

Se la partita finisce in pareggio, si gioca un’altra smazzata e si aggiudica l’incontro chi fa più punti. Questa mano viene detta primo spareggio. In caso di ulteriore parità si gioca un’altra smazzata, il secondo spareggio. E’ previsto anche un terzo spareggio, ma nel caso in cui si arriva a questa fase non è più possibile andare oltre, quindi vige la seguente regola: se anche il 3° spareggio finisce pari, perde il giocatore che ha fatto l’ultima presa.

Valuta